Quando parliamo di un servizio di sgombero appartamento 60 mq e parliamo del classico bilocale o al massimo un trilocale, appartamenti che spesso le persone fanno l’errore di invadere con molti oggetti che in realtà non servirebbero a nulla e andrebbero smaltiti se sono in cattive condizioni, oppure se fossero in buone condizioni andrebbero rivenduti oppure regalati se non abbiamo bisogno di soldi.D’altra parte, 60 m quadri non sono tanti soprattutto se ci stanno più persone all’interno di quell’appartamento e per questo non ci possiamo permettere per esempio di avere un divano che ormai è in cattive condizioni o delle poltrone che non utilizziamo o degli elettrodomestici vecchi e gli esempi non finirebbero mai.Non c’è lo possiamo permettere sia se decidiamo di rimanere a lungo in quella casa che maniera abbiamo preso in affitto e giustamente ci vogliamo stare comodi in all’interno, ma ancor di più se dobbiamo andarcene per qualsiasi motivo perché magari abbiamo trovato un’altra casa e prima di organizzare un trasloco è chiaro che dobbiamo sgomberarla da tutto quello che non ci servirà nella nuova casa.Chiaramente non è che le persone amano fare degli investimenti per pagare un’impresa di sgomberi, però se fanno questa scelta è perché capiscono che da soli non c’è la possono fare evidentemente perché ci sono oggetti troppo ingombranti o troppo voluminosi e servono degli automezzi adeguati a portarli a smaltire.Tra l’altro le imprese di sgomberi hanno un personale e in genere lavorano in gruppo e quindi riescono a portare a termine qualsiasi tipo di intervento sgomberando quello che c’è da sgomberare.Di certo vorranno intanto organizzare un sopralluogo perché vogliono rendersi conto da vicino quello che c’è da portare via, perché un conto è mandare delle foto oppure fare una telefonata e un conto è poter vedere tutto dal vivo.Oltre al fatto che comunque un sopralluogo è utile anche per le due parti così si incontrano e si conoscono se prima si sono sentiti solo per telefono e si possono mettere d’accordo tutti gli aspetti che riguardano quel giorno, giorno nel quale verrà effettuato lo sgombero. Non ci conviene fare sgomberare oggetti che si trovano ancora in buone condizioniCome dicevamo dal titolo di questa seconda parte non ci conviene fare sgomberare degli oggetti che abbiamo in casa nostra e parliamo anche di mobili o di elettrodomestici potenzialmente, che sono ancora in buone condizioni perché sinceramente sarebbe un grande spreco come tutti immaginiamo.Magari abbiamo un divano che a noi non interessa più avere perché ne vogliamo comprare un altro oppure che ci stiamo trasferendo e dove andiamo già ce n’è un altro migliore, però farlo smaltire in discarica sarebbe un grande peccato considerando che ci sono altre persone che di sicuro ne usufruirebbero molto volentieri.Tra l’altro ci sono alcune imprese di sgomberi che propongono di essere loro a prendersi degli oggetti o dei mobili ancora in buone condizioni e poi rivenderli in qualche mercatino offline in cambio della diminuzione di una quota o totalmente il costo del servizio.

Forse non tutti sanno che❓

Nell’uso comune lo sgombero indica l’attività di togliere l’ingombro e portar via oggetti da un luogo ben definito, in genere appartamenti, magazzini, solai e cantine. Questa attività spesso non può essere effettuata dal proprietario dell’immobile e quindi ci si rivolge ad aziende e più spesso ad imprese sociali per questo servizio. Negli ultimi anni, lo sgombero, vista la natura del lavoro richiesto (scarsa o nulla specializzazione necessaria, possibilità di inserimenti lavorativi di persone svantaggiate in un lavoro di squadra), è stato scelto come attività lavorativa da numerose imprese sociali e cooperative impegnate nel campo del sociale. Lo sgombero è spesso associato a percorsi di ecosostenibilità attraverso la gestione del materiale ricavato dall’attività primaria dello sgombero stesso. Vengono attivate delle filiere di riciclo, recupero e riuso di materiali e oggetti di diversa natura: attraverso laboratori di selezione, separazione, restauro, rivalorizzazione; il materiale sgomberato può essere rimesso in circolazione attraverso il circuito del mercato dell’usato, mentre tutto quello che non è possibile ridestinare ad una seconda vita viene avviato ai più idonei canali di smaltimento e di riciclo delle materie prime secondo le opportune filiere ecologiche. (Wikipedia)